“NON DIRE GATTO SE NON CE L’HAI NEL SACCO”. ALLIEVI BEFFATI DAL REAL KROTON.

nella foto il bellissimo gol di Sirianni

USD PRO CATANZARO – AS REAL KROTON  2-3 

PRO CATANZARO:  Mauro, Cimino (dal 16′ del st Orlanduccio), Greco, Magro, Saverino (dal 20′ del st Talarico), Guadagno, Chiaravalloti, Mantella, Fuscà, Sirianni (dal 38′ del st Syaf), Poggi Madarena. A disposizione: Fera

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

REAL KROTON: Simeri, Perri, Pesce L., Donato, Aversa, Lonetto, Arcuri, Pesce F. (dal 24′ del st Ascione), Stirparo, Malerba, Migale.

ALLENATORE: Sig. Luigi Nicoletta

ARBITRO: Sig. Maurizio Corticelli

MARCATORI:  al 2′ del pt Arcuri (RK), al 9′ del pt Sirianni (PCZ), al 23′ del pt Magro (PCZ), al 43′ del pt Aversa su rig. (RK), al 15′ del st Pesce L. (RK)

93° minuto della gara Pro Catanzaro-Real Kroton il Sig. Corticelli fischia la fine delle ostilità e, per i giovani Aquilotti, si materializza un’altra sconfitta questa volta più amara perchè ha il sapore della beffa. “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”, questo proverbio forgiato, a suo tempo, da Giovanni Trapattoni non ha forse un nesso logico ma, per l’occasione, calza a pennello. La saggezza popolare dei nostri antenati, tramandata nei secoli con quei modi di dire frutto del pragmatismo e delle esperienze pratiche di vita, a nulla è valsa. Una condotta di gara scriteriata e un arbitraggio non all’altezza della situazione hanno pesato e non poco sul risultato finale che penalizza, oltremodo, la squadra catanzarese. Gli errori arbitrali possono anche starci in una partita di calcio e devono essere messi in preventivo, ciò che non deve mai venire meno però è la giusta concentrazione e i tanti errori difensivi e la poca lucidità sottoporta sono la dimostrazione lampante che questa, almeno in certi frangenti della partita, in qualcuno dei nostri tesserati è venuta meno. Onore e merito al Real Kroton che ha disputato una gara accorta e senza fronzoli e  che, al di là degli errori arbitrali che hanno penalizzato i padroni casa, ha vinto perchè ha saputo sfruttare al meglio le disattenzioni dei propri avversari a cui non resta altro che recitare il mea culpa.

Cronaca:  Gara subito in salita per la formazione locale: una disattenzione in fase difensiva permette infatti agli ospiti, al 2° minuto di gioco, di passare in vantaggio al termine di un’azione a dire poco rocambolesca. Guadagno dalla bandierina del calcio d’angolo, invece di calciare fuori o rilanciare in avanti il pallone, effettua un incredibile retropassaggio a Mauro che si trasforma in un bel assist per Arcuri bravo ad anticipare il portiere e depositare in rete. La compagine catanzarese non si disunisce, reagisce bene alla situazione di svantaggio e dopo appena sette minuti, grazie a una perla di Sirianni, riesce a riequilibrare le sorti dell’incontro. Veramente una bella rete quella realizzata dal n. 10 giallorosso che, dalla distanza, con un tiro di precisione chirurgica toglie le ragnatele dal set della porta difesa da Simeri. Al 14′, Chiaravalloti

nella foto l’incredibile occasione fallita da Fuscà al 14′ del pt

 

sforna un assist delizioso per Fuscà che dribbla il portiere in uscita e da posizione defilata calcia a rete; un difensore pitagorico appostato sulla linea di porta sventa la minaccia calciando lontano la sfera di cuoio.

nella foto la rete su punizione realizzata da Magro

Il gol è nell’aria e a realizzarlo ci pensa Magro con un ben assestato calcio di punizione. 2 a 1 Pro e palla al centro. Al 29′, azione insistita di Sirianni che si beve due avversari e, a tu per tu con il portiere ospite, non riesce a trovare il tempo e la coordinazione giusta per la deviazione vincente che avrebbe messo, definitivamente, ko gli avversari. In campo c’è una sola squadra  la  Pro  Catanzaro, le occasioni   fioccano   e,  al  39′,

il rigore parato al 40′ del pt da Mauro a Stirparo

Poggi serve a Sirianni un allettante pallone che il fantasista giallorosso calcia, purtroppo, tra le braccia di Simeri. Un minuto dopo, per un fallo in area di Saverino su un attaccante ospite, l’arbitro concede un calcio di rigore ai pitagorici. Si incarica della trasformazione Stirparo il cui tiro è deviato in angolo da Mauro con l’aiuto della traversa. A questo punto il Sig. Corticelli si erge a protagonista indiscusso e nonostante avesse, precedeentemente, comunicato alle panchine e ai calciatori in campo di voler recuperare un minuto, tra le recriminazioni dei padroni di casa, decide di far proseguire il gioco e così, al 43′, ovvero a tempo abbondantemente  scaduto decreta, per un veniale

il rigore realizzato al 43′ del pt da Aversa

contatto in area tra un calciatore ospite e il n. 7 giallorosso Chiravalloti, un ulteriore calcio di rigore a favore del Real Kroton. Aversa dal dischetto questa volta non sbaglia e, con un gran fendente, realizza la rete del momentaneo pareggio.  Al rientro dagli spogliatoi il Real sembra avere una marcia in più e così, dopo un occasionissima fallita al 10′ da Pesce F. che da buona posizione calcia fuori, ecco confezionata la frittata. Le lancette dell’orologio del direttore di gara segnano il minuto quindici della ripresa quando, lo stesso,  tra le proteste generali dei padroni di casa, giudica un intervento in anticipo di un calciatore catanzarese falloso quindi meritevole di essere punito con un calcio di punizione indiretto. Dormita colossale della difesa giallorossa e zampata

nella foto la rete realizzata al 15′ del st da Pesce L.

vincente sottoporta di Pesce L. che realizza la rete del vantaggio ospite. Al 18′, Real ancora vicino alla segnatura con Malerba. Strepitoso in questa occasione Mauro che, con un gran balzo, riesce a deviare in angolo, con i pugni, l’insidiosa conclusione. I restanti minuti di gioco sono convulsi, le mischie in area pitagorica si susseguono ma nessuno dei calciatori catanzaresi riesce a trovare la deviazione vincente per ristabilire le distanze. Al 41′, ovvero al primo dei tre minuti di recupero concessi dall’arbitro,  la Pro Catanzaro con Fuscà spreca una ghiotta occasione per pareggiare l’incontro. Mantella, uno dei pochi a non aver perso la bussola, con caparbietà ruba palla a centrocampo, di slancio supera un paio di avversari e lancia Fuscà che calcia a botta sicura; Simeri con un intervento prodigioso salva il risultato e condanna i giovani Aquilotti a una inaspettata sconfitta.

LA JUNIORES VINCE, CONVINCE E DIVERTE. 5-0 AL COTRONEI 1994.

nella foto il gol realizzato da Gallo

COTRONEI 1994 – PRO CATANZARO  0-5

COTRONEI 1994: Timpano, Caria, Garruba (dal 5′ del st Albi), Bitonti, Teti  (dal 23′ del st Sicilia),  Falbo (dal 1′ del st Cerenzia), Marrella, Colao, Hasanaj, Cortese, Papaleo.  

ALLENATORE: Sig. Francesco Tiano

PRO CATANZARO: Teducci (dal 1′ del st Costantino), Chiarella, Toto, Belcamino, Marino, Gallo (dal 1′ del st Chiaravalloti), Fuscà (dal 1′ del st Poggi Madarena), Leone,  Bouaziz, Guarnieri, Nocita (dal 1′ del st Cardamone).

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

ARBITRO: Sig. Antonio Mandaradoni

MARCATORI:  al 26′ del pt Chiarella (PCZ), al 30′ del pt Belcamino (PCZ), al 38′ del pt Gallo (PCZ), al 40′ del pt Fuscà (PCZ), al 30′ del st Poggi Madarena (PCZ)

Vince, convince e diverte la  juniores della Pro Catanzaro. Dopo la bella affermazione casalinga ottenuta nell’ultima gara di campionato dell’anno 2013, contro i pari età del Torretta di Crucoli, e a conferma del ritrovato entusiasmo e unità d’intenti dei giovani Aquilotti, ecco un’altra reboante vittoria questa volta ottenuta in trasferta ai danni del Cotronei 1994. Cinque le reti rifilate alla formazione cotronellara che, a dire il vero, potevano essere molte di più se i legni della porta non avessero salvato, per ben due volte, Timpano dalla capitolazione e se gli attaccanti ospiti non avessero sbagliato l’impossibile. Giù il cappello di fronte alla formazione giallorossa catanzarese costretta ad avvalersi delle prestazioni di alcuni ragazzi della squadra allievi regionali per fare fronte all’assenza di Trapasso incorso nelle scure della giustizia sportiva e alle defezioni volontarie di Lauritano, Mirijello e Parise e, ciò nonostante, capace di fare la partita, comandare il gioco per novanta minuti e portare a casa tre punti importanti in ottica play-off. 

Cronaca: Per dovere d’informazione e per essere obiettivi nei confronti dei lettori anche se dispiace dirlo, vista l’ospitalità riservata alla squadra e ai dirigenti della Pro Catanzaro e la simpatia che nutriamo nei confronti della Società, dell’allenatore e dei calciatori del Cotronei 1994, nell’arco dei novanta minuti di gioco, non si annoverano conclusioni e azioni degne di nota da parte dei padroni di casa e, pertanto, non ci si meravigli se la cronaca riporta solamente azioni della squadra ospite.

 nella foto il gol di         Chiarella

Dopo un prima fase di studio, al 26′, la Pro Catanzaro passa in vantaggio. Capitan Leone pennella dal calcio d’angolo a centro area un invitante pallone su cui si avventa Chiarella che con un gran tiro a volo fulmina Timpano.  1-0 Pro e palla al centro. Due minuti dopo assist di Fuscà per Gallo che con un gran diagonale sfiora il palo. Non c’è neanche il tempo di imprecare per la grande occasione fallita che Belcamino, al 30′, con un tiro a pallonetto dalla distanza sorprende il portiere cotronellaro vanamente proteso in tuffo. Al 36′,

 nella foto il gol di Belcamino

bello uno-due Bouaziz-Fuscà la cui conclusione è respinta in angolo da Timpano. E’ il prologo al gol e a realizzarlo ci pensa Gallo, due minuti dopo, con un gran tiro che si insacca sotto la traversa. Il Cotronei è ormai allo sbando, incalzato dal suo avversario che vuole mandarlo al tappeto, è come un pugile suonato messo alle corde del ring. Barcolla e cerca disperatamente di stare in piedi e limitare i danni in attesa del suono liberatorio del gong che sancisce la fine della ripresa. E così, al 40′, Fuscà ricorda di avere trascorsi da pugile e assesta il colpo del definitivo ko che spegne ogni velleità di rimonta dei padroni di casa. Con un guizzo l’estroso n. 7 giallorosso si libera del suo diretto marcatore, entra in area e con un preciso rasoterra fulmina per la quarta volta

nella foto il gol di Fuscà

Timpano. A inizio del secondo tempo, mister Samà opera tutti i cambi a suo disposizione e da spazio ai giovani Chiaravalloti e Poggi Madarena che hanno così l’opportunità di esordire e mettersi in luce nel campionato regionale juniores. La ripresa, come d’altronde il primo tempo, è un monologo giallorosso. Al 6′, Toto in bella elevazione colpisce di testa il pallone crossatogli dal corner da Leone; la sfera di cuoio fa la barba al palo. Cinque minuti dopo, il portiere cotronellaro in uscita respinge una insidioso tiro di Bouaziz. Al 14′, Bouaziz, abile a conquistare palla sulla trequarti campo, s’invola sulla fascia destra ma la sua conclusione è deviata in angolo da Timpano. Un minuto dopo il neo-entrato Poggi Madarena anticipa il suo diretto marcatore e calcia forte a rete; la palla colpisce in pieno la base del palo e torna in campo ma nessuno dei suoi compagni è lesto a ribadirla in rete. Al 29′, Timpano con un intervento plastico devia in angolo una punizione del limite di Guarnieri. Un minuto dopo azione insistita di Poggi Madarena che conquista palla, entra in area e con un gran diagonale realizza il quinto gol. Al 33′, Guarnieri con un gran tiro a giro colpisce in pieno la traversa. Due minuti dopo, punizione dal limite dell’area di Marino che calcia a giro; bravo il portiere cotronellaro a distendersi in tuffo e a respingere in angolo. Prima che l’arbitro sancisca la fine dell’incontro c’è da registrare una occasionissima fallita da Bouaziz che, a tu per tu, con Timpano si fa ipnotizzare dallo stesso sparandogli addosso il pallone del possibile 6 a 0.

PRO CATANZARO – GIOIA COTRONEI 1-0, DECIDE UNA PRODEZZA DI MANTELLA.

Mantella, dopo aver messo a sedere un avversario, con un gran tiro a giro realizza la rete della vittoria

USD PRO CATANZARO – GSD GIOIA COTRONEI  1-0 

PRO CATANZARO:  Mauro, Cimino, Greco, Magro, Saverino, Guadagno, Talarico (dal 1′ del st Pezzano), Mantella, Fuscà (dal 29′ del st Syaf), Orlanduccio (dal 1′ del st Chiaravalloti). A disposizione: Fera

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

GIOIA COTRONEI: Costanzo, Colao, Garofalo, Manfreda, Pace, Comberiati, Cardamone (dal 35′ del st Scavelli), Calabrese (dal 24′ del st Vona)Scalise, Esposito, Toscano (dal 32′ del st Iaquinta). A disposizione: Fragale, Alia, Cueti.

ALLENATORE: Sig. Antonio Secreti

ARBITRO: Sig  Davide Passarelli

MARCATORE:  al 28′ del st Mantella (PCZ)

Inizia bene il nuovo anno per i giovani Aquilotti allenati da mister Samà che, grazie ad una prodezza di Mantella al 28′ del secondo tempo, si aggiudicano i tre punti in palio nella gara, forse, più delicata della stagione che li vedeva contrapposti a una matricola temibile: la Gioia Cotronei che, a onor del vero, non ha affatto demeritato e a cui bisogna tributare gli onori delle armi. Una vittoria importante quella conseguita ai danni della formazione cotronellara che consente alla squadra catanzarese di chiudere il girone di andata a quota diciotto in quinta posizione. Non è stata una gara spettacolare ma intensa, combattuta e, soprattutto, corretta giocata dai ventidue atleti senza alcun risparmio di energia. Ha vinto la Pro Catanzaro ma, qualora, fosse stata la squadra ospite a uscire vincitrice dal confronto nessuno avrebbe potuto gridare allo scandalo anche perchè, la stessa, ha da che recriminare per una spinta in area di rigore subita da Esposito e giudicata dall’arbitro non punibile con la concessione di un penalty.

Cronaca: Parte forte la Pro che, al 6′, con Fuscà potrebbe sbloccare il risultato; bravo nell’occasione l’estremo difensore ospite a chiudere lo specchio della porta e respingere con i piedi l’insidiosa conclusione del n. 9 giallorosso. Con il passare dei minuti, l’azione della squadra catanzarese, orfana di Poggi squalificato e con Fuscà e Sirianni in non perfette condizioni fisiche, perde brillantezza e i ragazzi di Secreti ne approfittano per prendere il sopravvento e menare le danze. Al 30′, Calabrese con un tiro a pallonetto sfiora la traversa e, tre minuti dopo,  Scalise con un gran tiro impegna severamente Mauro che, con uno scatto di reni, riesce a salvare il risultato. Al 35′, c’è da registrare l’episodio del calcio di rigore non concesso ai cotronellari di cui si è già detto a inizio articolo.  Al rientro dagli spogliatoi tra le file della squadra catanzarese non ci sono più Talarico e Orlanduccio, sostituiti da Samà con Pezzano e Chiaravalloti, e il doppio cambio operato sortisce gli effetti sperati. La squadra giallorossa come d’incanto ritrova lo smalto dei giorni migliori, riprende a macinare gioco e a creare palle gol. Al 55′, assist di Mantella per Sirianni che, da buona posizione, spedisce a fil di palo. Undici minuti dopo, Pro vicina alla segnatura con il neo entrato Chiaravalloti che, con un gran fendente, da fuori area, colpisce in pieno l’incrocio dei pali della porta difesa da Costanzo. Al 68′, azione insistita di Mantella che supera di slancio un paio di avversari, con una finta mette a sedere un difensore ospite e, dal limite dell’area, lascia partire un gran tiro a giro che si insacca a fil di palo.

- nella foto il gol di Mantella

Veramente una bella rete quella realizzata dal n. 8 giallorosso che corona una prestazione super con un super gol. 1-0 Pro e palla al centro. Nei restanti dodici minuti della partita e nei quattro minuti extra time concessi dall’arbitro c’è da segnalare una conclusione, da lontano, di Vona bloccata con sicurezza da Mauro e una gran parata di Costanzo su un tiro a botta sicura dell’esordiente Chiaravalloti.