PRO CATANZARO AVANTI TUTTA! BOCA JONIO KR ALTRO STOP INATTESO.

nella foto il gol partita di Guerrieri

ASD BOCA JONIO KR – USD PRO CATANZARO  0-1

BOCA JONIO KR:  Campagna, Clausi, Cosentino, Noce, Grotteria (dall’8′ del st Cusato), Provenzano (dal 26′ del st Rasizzi), Iannone, Tornicchio (dal 13′ del st Vecchio), Screnci (dal 20′ del st Arcuri), Schipani, Malena. A disposizione: Rago, Rasizzi, Giaquinta, Arcuri, Vecchio, Rotondo, Cusato

PRO CATANZARO:  Mauro, Codispoti, Pezzano, Saverino, Costa Gabriele, Talarico (dall’8′ del st Fontana), Guerrieri, Chiaravalloti, Costa Giuseppe (dal 32′ del st Lombardo), Syaf (dal 28′ del st Caliò), Poggi Madarena. A disposizione: Fera, Paonessa, Lombardo, Caliò, Fontana

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

ARBITRO: Sig. Paolo Lentini di Isola Capo Rizzuto 

MARCATORE:  al 39′ del pt Guerrieri (PCZ)

Seconda vittoria consecutiva della Pro Catanzaro che, grazie a una rete segnata da Guerrieri al 39′ del pt, espugna il campo di gioco di un Boca Jonio mai domo. Una vittoria sofferta ma meritata che permette alla compagine giallorossa, allenata da mister Samà, di scalare posizioni in classifica e portarsi a solo tre punti dall’Audax, capolista solitaria.  Il primo successo stagionale in tasferta è arrivato e con esso anche la consapevolezza di poter recitare un ruolo di primo piano in un campionato, quello allievi regionali, che anche quest’anno si prospetta impegnativo e difficile come non mai per le tante società blasonate che vi partecipano. 

La cronaca: Prima di analizzare le fasi più salienti dell’incontro che è stato corretto e avvincente fino all’ultimo è d’obbligo ringraziare la società Boca Jonio Kr per l’accoglienza riservata e per la grande signorilità dimostrata in campo e fuori. Alla società pitagorica, che siamo certi risalirà al più presto la china della classifica perchè ha un organico di tutto rispetto, auguriamo ogni bene. Partita sostanzialmente equilibrata ben giocata da entrambe le formazioni che si sono affrontate a viso aperto senza esasperati tatticismi e, comunque, con il chiaro intento di conquistare l’intera posta in palio. Il primo vero tiro in porta della partita l’effettua, al 20′, il n. 7 giallorosso Guerrieri; il pallone sibila a fil di palo. Due minuti dopo, Pro Catanzaro ancora pericolosa in avanti con Guerrieri che, da posizione defilata, calcia debolmente tra le braccia di Campagna.

nella foto l’occasione sprecata da Iannone 

Al 36′, occasionissima per il Boca Jonio. Iannone, uno dei più propositivi della sua squadra, s’invola sulla fascia destra, entra in area di rigore ospite e calcia forte a rete. Il suo diagonale si perde sul fondo senza che nessun calciatore pitagorico trovi la deviazione vincente. Tre minuti dopo, il risultato si sblocca. Guerrieri, da sotto misura, trova la deviazione vincente. La sfera di cuoio, colpita d’esterno, s’infila tra il portiere e il palo.1-0 Pro e palla al centro.

nella foto il gol di Guerrieri

Il primo tempo si chiude senza riservare particolari emozioni. Al rientro dagli spogliatoi, per l’esattezza al primo minuto di gioco,  una disattenzione difensiva di Saverino e Costa Gabriele, per poco non consente ai padroni di casa di riequilibrare le sorti dell’incontro. Mauro, ottima la sua prestazione, si supera e con un piede devia in angolo una conclusione a botta sicura di Malena che ha, veramente, da che rammaricarsi, per non

nella foto l’occasione fallita da Malena

essere riuscito a finalizzare in rete una occasione più unica che rara. Sei minuti dopo, Guerrieri serve un pallone delizioso a Poggi Madarena che calcia malamente in porta. Al 10′, Costa Giuseppe dalla lunga distanza, con un gran tiro a volo,  colpisce la parte superiore della traversa della porta difesa da Campagna. Dieci minuti dopo, in contropiede, la formazione catanzarese ha l’opportunità di chiudere la partita ma il gran diagonale di Poggi Madarena si perde a fil di palo. Al 29′, la

nella foto l’occasione fallita da Poggi

Pro Catanzaro rischia, seriamente, di capitolare. Mauro, fino allora impeccabile, sbaglia l’uscita ma Pezzano è attento e sventa la minaccia calciando lontano il pallone prima che, lo stesso, finisca in fondo al sacco. Nei restanti minuti del match e in quelli di recupero la pressione del Boca Jonio si fa arrembante ma la difesa catanzarese regge bene l’urto e, in contropiede, sono i giovani Aquilotti, prima con Lombardo e poi con Caliò, a creare qualche apprensione alla retroguardia gialloblu.

PRO CATANZARO: CON LA KENNEDY SOLO UN PARI. UNA RETE DI SIRIANNI, IN EXTREMIS, SPEGNE OGNI VELLEITA’ DI VITTORIA DELLA FORMAZIONE OSPITE.

 

nella foto il gol di Sirianni al 41' del st

USD PRO CATANZARO – SSD KENNEDY J.F. 1-1

PRO CATANZARO:  Mauro, Greco, Saverino, Magro, Cimino, Mantella, Orlanduccio, Chiaravalloti, Fuscà, Sirianni, Poggi Madarena. A disposizione: Fera

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

KENNEDY J.F.: Tomaselli, Critelli, Evaroni, Toto, Tozzo, Corsi, Crispo, Mazza, Granato, Mancuso, Caliò. A disposizione: Arnò, Viotti, Correnti, Rocca, Nespoli, Rotundo

ALLENATORE: Sig. Salvatore Folino

ARBITRO: Sig. Giovanni Emanuele Grande della sezione AIA di Soverato

MARCATORI:  al 14′ del st Tozzo (K), al 41′ del st Sirianni (PCZ)

Una rete di Sirianni, al 41′ del secondo tempo, permette alla Pro Catanzaro di acciuffare, in estremis, il pari e di spegnere ogni velleità di vittoria della formazione ospite. La Kennedy che, a lungo, aveva accarezzato il sogno di aggiudicarsi il derby e rendere pan per focaccia agli odiati cugini, all’andata vittoriosi in trasferta per 2 a 1, deve accontentarsi di un misero punticino che è pur vero che smuove la classifica ma non colma il gap di punti che la Pro Catanzaro vantava  e continua, tuttora, a vantare nei confronti della stessa. A quattro giornate dal termine della regular season, cinque lunghezze di vantaggio, costituiscono un tesoretto abbastanza consistente da difendere, con le unghie e con i denti,  per non ritrovarsi a dovere disputare i play out. Un pareggio sostanzialmente giusto che premia la caparbietà dei giovani Aquilotti, mai domi, che forse, per come è maturato, lascia l’amaro in bocca ai ragazzi di Folino incapaci di chiudere la gara quando gli si è presentata l’occasione. La fortuna si sa aiuta gli audaci è la Pro, almeno in questa gara, lo è stata.

Cronaca:  Il derby è sempre il derby e nei tifosi e nei calciatori ha un fascino particolare perchè è una gara che sfugge a ogni pronostico. Il pareggio conseguito con la Kennedy, squadra dall’antico blasone, viste le tante assenze (Guadagno e Talarico per squalifica, Pezzano e Syaf per motivi familiari) e le non ottimali condizioni fisiche di alcuni calciatori reduci dall’influenza è stato accolto nell’ambiente giallorosso con grande soddisfazione tanto da essere festeggiato come una vittoria. L’incontro bello e avvincente, ben giocato dalle due squadre, ha tenuto con il fiato sospeso i tanti spettatori accorsi al Francesco Verdoliva di Gagliano per assistere a questa stracittadina che, puntualmente, come ogni anno, accende gli animi e gli entusiasmi dei tifosi. Parte forte la Pro che al  primo minuto di gioco con Orlanduccio, ben servito da Sirianni, mette a dura prova i riflessi del portiere avversario che si salva deviando il pallone in corner. Dopo qualche tentativo velleitario dalla distanza della Kennedy, al 24′, è  la squadra ospite ad avere l’opportunità di passare in vantaggio. Mancuso con un pregevole  tocco mette Caliò a tu per tu con Mauro che si supera e riesce a sventare la minaccia. Il primo tempo si chiude senza riservare altre particolari emozioni.

nella foto l’azione del gol di Tozzo

Al rientro dagli spogliatoi è la Kennedy a provare a fare la partita e, al 14′, Tozzo, incredibilmente libero da marcature, trova il tempo e il modo per finalizzare in rete un preciso cross dal fondo. Quattro minuti dopo, su uno schema  di calcio d’angolo, Sirianni dopo aver dribblato un difensore ospite  ha l’opportunità di pareggiare le sorti dell’incontro; Tomaselli è bravo a respingere in corner l’insidiosa conclusione. Al 20′, Sirianni dalla lunetta del calcio d’angolo batte corto per Fuscà che, da posizione decentrata, calcia forte sul portiere in uscita. La partita, bella e ricca di continui capovolgimenti di fronte, dopo una rete annullata a Crispo per sospetta posizione di fuorigioco e un rigore sacrosanto non concesso alla Pro, alla mezz’ora, per un plateale atterramento di Critelli ai danni di Magro, nei minuti finali, si riaccende improvvisamente. Al 39′, Crispo, solo davanti a Mauro, da posizione ottimale, incredibilmente, calcia fuori dallo specchio della porta. Come spesso accade nel

nella foto il palo colpito dalla Pro con Greco

calcio  chi sbaglia paga e dopo un clamoroso palo colpito da Greco al 40′, ci pensa Sirianni, un minuto dopo, a sorprendere la difesa viola e riequilibrare le sorti del match. Un gol importante, voluto fortemente e a lungo festeggiato dai giovani Aquilotti in campo e negli spogliatoi, un gol  che, sicuramente, ha reso il weekend più  bello perchè anche quest’anno i coloriti e simpatici sfottò di fine gara degli avversari sono stati scongiurati.

LA JUNIORES DELLA PRO CATANZARO ESCE A TESTA ALTA DAI PLAY OFF. SILANA AVANTI TUTTA, DECISIVA UNA RETE DI CURIA.

SILANA 1947 - PRO CATANZARO  1-0

SILANA 1947: Mosca, Benincasa S., Benincasa L., Mele (dall’11′ del st Barberio), Talarico, Iaquinta, Tricarico L., Ferrarelli, Benincasa D., Curia (dal 24′ del st De Marco),  Caridà.  A disposizione: Spadafora, Tricarico G., Lo Petrone.

PRO CATANZARO: Teducci (dal 43′ del st Mauro), Chiarella, Mantella (dal 35′ del st Gallo), Belcamino, Marino, Lauritano, Guadagno, Leone (dal 40′ del pt Toto), Fuscà, Sirianni, Greco.

ARBITRO: Sig. Longo di Paola

MARCATORE: al 23′ del st  Curia (SIL)

Nel girone C del campionato juniores calabrese saranno Silana  e Sersale a contendersi l’ultimo posto utile per partecipare alla fase finale regionale. Al Valentino Mazzola di San Giovanni in Fiore, una rete di Curia, al 23′ del secondo tempo, regala una vittoria di capitale importanza per il sodalizio silano e spegne ogni velleità di successo della squadra catanzarese. Ha dovuto sudare le classiche sette camicie la formazione locale per avere ragione della strenua resistenza opposta dai giovani Aquilotti che, pur in formazione largamente riamaneggiata, hanno dato filo da torcere ai più esperti e quotati avversari. E’ stata un gara corretta, ben giocata da entrambe le contendenti che ha tenuto, fino all’ultimo, con il fiato sospeso i tanti spettatori presenti in tribuna che non hanno mai fatto venire meno il loro sostegno alla squadra locale e che, al triplice fischio finale, hanno gioito e festeggiato con i propri beniamini il passaggio del turno. Ha vinto la Silana, squadra quadrata e ricca di spiccate individualità, ma l’undici giallorosso visto all’opera ha destato una buona impressione ed esce a testa alta dai play off.

Cronaca:  Niente da fare per la juniores della Pro Catanzaro sconfitta a San Giovanni in Fiore, di misura, dai pari età della Silana. Dire pari età è un vero eufemismo, visto che nelle file della squadra giallorossa erano ben sei i calciatori classe 1997 (allievi) schierati tra i titolari da mister Samà  che, per le tante concomitanti assenze, ha dovuto fare di necessità virtù. Dopo le prime schermaglie iniziali è la Silana, al 9′, ad avere per prima l’opportunità di passare in vantaggio. Tricarico dal fondo mette dentro un insidioso pallone che Benincasa Domenico non riesce a finalizzare in rete per una tempestiva chiusura di  Chiarella, bravo a rubare il tempo al centravanti silano e sventare la minaccia. Sei minuti dopo, Caridà, con un gran tiro da fuori, fa venire i brividi a Teducci ma la sua conclusione impatta sulla schiena di Chiarella e termina alta sulla traversa. Al 26′, Caridà, buona la sua prestazione, con un gran fendente sfiora il palo. Il primo tempo si chiude senza riservare altre particolari emozioni. Al rientro dagli spogliatoi la squadra catanzarese sembra avere un altro piglio e, al 5′, con Sirianni va vicino alla segnatura. Guadagno serve in profondità un invitante pallone al n. 10 giallorosso che si libera del suo diretto marcatore e, dal limite dell’area, lascia partire un gran diagonale che sfiora il palo.  Sette minuti dopo Teducci, uno dei migliori se non il migliore tra i ventidue atleti scesi in campo, con un intervento plastico dice di no a una conclusione di Iaquinta destinata a togliere le ragnatele dal set. Al 17′, un gran diiagonale di Tricarico fa la barba al palo e, un minuto dopo, una terrificante conclusione di Curia si stampa sul palo. Il gol è nell’area e a realizzarlo ci pensa Curia, al 23′,  al termine di una azione rocambolesca. Ferrarelli, a tu per tu, con Teducci non trova di meglio che calciare sul portiere in uscita ma Chiarella, questa volta, non riesce a rinviare lontano come dovrebbe la sfera di cuoio che, lemme lemme, finisce sui piedi di Curia che non ha alcuna difficoltà a ribadire in rete. 1-0 Silana e palla al centro. Nell’azione concitata del gol, Curia si infortuna ed è costretto ad abbandonare il rettangolo verde. Al 27′,  Belcamino con un gran calcio di punizione, dal limite, sfiora la traversa della porta difesa da Mosca.  A questo punto della partita mister Samà decide che è ora di osare di più,  toglie l’esausto Mantella e da spazio a Gallo tenuto fino ad allora, precauzionalmente, in panchina perchè non in perfette condizioni fisiche.  La squadra giallorossa si riversa in avanti ma l’ottimo Talarico, in difesa, e il bravo Ferrarelli, a centrocampo, riescono quasi sempre a mettere una toppa  a colori e tamponare le iniziative catanzaresi. Al 43′, Teducci, in disperata uscita, salva il risultato ma rimedia una botta a un ginocchio che lo costringe a uscire anzitempo dal campo.  Proprio allo scadere della seconda frazione di gioco, la Pro Catanzaro ha sui piedi di Sirianni la palla buona per pareggiare le sorti dell’incontro e disputare i tempi supplementari ma la sfera di cuoio, calciata con forza dal fantasista giallorosso, sfiora il palo.  E’ l’ultimo sussulto di una gara bella, avvincente che la Silana ha, sicuramente, meritato di vincere ma che i giovani Aquilotti hanno reso interessante e straordinariamente aperta fino all’ultimo secondo. 

ALLIEVI, ALTRO KO INTERNO. CSPR VITTORIA E PRIMATO.

nella foto il gol realizzato da Frascà

PRO CATANZARO – CSPR 94  0-3 

U.S.D. PRO CATANZARO:  Mauro, Cimino (dal 1′ del st Pezzano), Greco (dal 18′ del st Talarico), Magro, Saverino, Mantella, Orlanduccio, Chiaravalloti, Fuscà, Sirianni, Guadagno. A disposizione: Fera

S.C. C.S.P.R. 94Rullo A., Catalano, Gennaro, Pasqualino (dal 40′ del st Futia), Lia, Rullo R., Frascà (dal 43′ del st Minnella), Ciccarello, Cortale (dal 41′ del st Corsaro), Lionetti (dal 44′ del st Coluccio), Denaro (dal 42′ del st Curiale)A disposizione: Dimasi, Maiolo

ARBITRO: Sig. Maurizio Corticelli

MARCATORI:  al 12′ del pt Pasqualino (CSPR), al 37′ del pt Lionetti (CSPR), al 7′ del st Frascà

Altro passo falso interno dei giovani Aquilotti sonoramente sconfitti dai pari età del CSPR 94 che, grazie al successo odierno, conquistano, in solitario, la vetta della classifica. Un altro pomeriggio amaro e da dimenticare, un’altra prestazione incolore e sottotono della squadra giallorossa che non riesce proprio a dare continuità di risultati al suo campionato. Un 3-0 pesante da digerire che non lascia adito a recriminazioni e che mette a nudo i limiti tecnici, strutturali e caratteriali della compagine catanzarese. La vittoria contro la Vigor Catanzaro aveva illuso un po l’ambiente che la svolta fosse finalmente arrivata, invece siamo al punto di prima. Occorre, al più presto, rialzare la testa, ritrovare la giusta concentrazione e la serenità d’animo necessaria per disputare un finale di campionato dignitoso.

Cronaca:  Parte forte la Pro che, al 1′,  potrebbe passare in vantaggio con Fuscà che ben lanciato da Chiaravalloti, da buona posizione, calcia incredibilmente fuori dallo specchio della porta. Al primo vero affondo  il  CSPR  va

nella foto il gol realizzato da Pasqualino al 12′ del pt

in gol  e a  realizzarlo  ci  pensa Pasqualino con un tiro a mezza altezza   che  sorprende  Mauro.

nella foto il quasi gol di Fuscà

Al 23′, Orlanduccio sforna un bel assist per Fuscà il cui gran diagonale fa la barba al palo. Tre minuti dopo, sugli sviluppi di un schema su calcio d’angolo, provato e riprovato in allenamento, la Pro potrebbe pareggiare le sorti dell’incontro. Fuscà, invece di calciare lungo, appoggia su Sirianni che entra in area di rigore e dal fondo effettua un insidioso tiro-cross che Magro, per un pelo, non riesce a deviare in rete. I ragazzi di mister Samà non ci stanno a perdere e, al 28′,  Fuscà serve un delizioso pallone a Sirianni che, a tu per tu con l’estremo difensore ospite, non trova di meglio che calciargli la sfera addosso. Bravo Rullo a salvare  il  risultato  ma  anche  un tantino fortunato sulla corta respinta che, purtroppo,

nella foto la clamorosa occasione fallita da Sirianni al 28′ del pt

il n. 10 giallorosso non riesce a ribadire in rete. Nove minuti dopo, Lionetti trova il jolly con un preciso tiro da fuori area su cui Mauro non può fare niente perchè coperto da un nugolo di avversari e di compagni. Due a zero CSPR e palla al centro. Il primo tempo si chiude senza riservare altre particolari emozioni ai pochi e infreddoliti spettatori presenti sugli spalti. A inizio ripresa, la Pro Catanzaro opera un cambio; fuori Cimino e dentro Pezzano, difensore con spiccate doti offensive. La sostituzione effettuata però non sortisce l’effetto sperato perchè, al 7′, il CSPR triplica. Frascà ben lanciato da un compagno s’invola sulla fascia destra, entra in area, dribbla Mauro in uscita e di piatto deposita in fondo al sacco. Un gol pesante come un macigno che affossa ogni velleità di rimonta dei giovani Aquilotti che stentano a ritrovarsi e a contenere le sfuriate  della squadra reggina, ora assoluta padrona del campo.

      nell foto l’occasione             fallita da Cortale            al 15′ del st

Al 15′, Cortale potrebbe calare il poker ma, da due passi, non  riesce  a  trovare  la  deviazione vincente.   Nove minuti dopo, Sirianni pennella a centro area un allettante pallone che Orlanduccio colpisce di testa; la sfera di cuoio sibila a fil di palo.

nella foto l’occasione fallita di testa da Orlanduccio al 24′ del st

Al 30′, Fuscà, su punizione, impegna Rullo che si accartoccia e blocca a terra. Cinque minuti dopo, Cortale, a tu per tu con Mauro, speca una ghiotta opportunità per rimpinguare, ulteriormente, il risultato. Il pallone calciato con  forza     dall’aitante    centravanti

   nella foto l’occasione            fallita da Cortale         al 35′ del st

ospite termina, tra lo stupore generale, fuori dalla porta. Nei cinque minuti di recupero concessi dall’arbitro, diventati poi sette a seguito delle cinque sostituzioni effettuate da mister Simonetta, tra il 40′ e il 44′ della ripresa, a  risultato più che acquisito, c’è da registrare una bella conclusione, dalla distanza, di Pezzano  che  finisce di poco alta sulla traversa della porta difesa dal bravo e attento Alessandro Rullo. E’ l’ultimo sussulto di una gara che ha visto i giovani Aquilotti, almeno per un tempo, tenere testa ai più quotati avversari. Da dimenticare,  invece,  la ripresa, peraltro disputata a favore di vento, in cui la squadra giallorossa è apparsa poco lucida e svuotata delle energie necessarie per compiere l’impresa: “fermare la vicecapolista”.

Pubblicato in news