JUNIORES, SCONFITTA PIU’ CHE ONOREVOLE A CUTRO.

nella foto il gol del momentaneo pareggio di Belcamino

CUTRO – PRO CATANZARO  3-1

CUTRO: Menzà, Scordio, Sposato, Guerrieri, Muto, Crugliano (dal 23′ del pt Tambaro), Aiello, Preiti, Garà D., Virelli, Garà G. (dal 27′ del st Rizzuto). A disposizione: Battigaglia, Ciampà, Ussia.

PRO CATANZARO: Fera (dal 1′ del st Teducci), Chiarella,Toto, Mantella, Marino, Chiaravalloti, Gallo (dal 1′ del st Greco), Belcamino, Fuscà, Guarnieri, Nocita.

ARBITRO: Sig. Antonio Paradiso 

MARCATORI:  al 2′ del pt Guerrieri (CUT), al 5′ del st Belcamino (PCZ), al 26′ del st Garà G. (CUT), al 39′ del st Garà D. (CUT)

Sconfitta più che onorevole per la juniores della Pro Catanzaro che, pur in formazione largamente rimaneggiata, tiene testa, per oltre settanta minuti, al forte Cutro. Non tragga in inganno il risultato finale; il 3-1 è troppo severo nei confronti dei giovani Aquilotti che hanno ribattuto colpo su colpo alle iniziative dei padroni di casa e disputato nel complesso una buona gara. I baby Mantella, Chiaravalloti, Fuscà, Greco e Fera, chiamati a sostituire gli aventiniani Mirijello, Parise, Cardamone, Bouaziz e Costantino, hanno giocato da veterani e ripagato la fiducia con il massimo impegno e con smisurata passione e dedizione.

Cronaca: Parte forte il Cutro che, al 2′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo con una semirovesciata di Guerrieri passa in vantaggio. Sette minuti dopo Gallo, a tu per tu

l’occasione fallita da Gallo al 9′ del pt

con Menza, spreca una ghiotta occasione per riequilibrare le sorti dell’incontro.  Al 10′,  assist di Fuscà per Nocita che calcia forte a rete; il portiere cutrese respinge la minaccia con i pugni. Tre minuti dopo, con un gran fendente, Guarnieri colpisce in pieno la traversa. Veramente sfortunata in questa occasione la squadra ospite che, al 14′, va vicino al pareggio. Gallo con un elegante palleggio si libera del suo diretto marcatore e, dal limite dell’area, lascia partire un gran destro che Menza respinge con qualche difficoltà in angolo. La squadra di casa soffre la vivacità dei giovani Aquilotti che non ci stanno a perdere e Gallo crea più di una apprensione alla retroguardia cutrese. Al 21′, il n. 7 giallorosso di testa spizzica un invitante pallone crossatogli da Chiaravalloti; il pipelet cutrese, ancora una volta, gli nega la gioa del gol. Intorno alla mezz’ora il Cutro potrebbe raddoppiare; Gianluigi Garà, da buona posizione, calcia incredibilmente fuori. Il primo tempo si chiude senza altri particolari sussulti. La seconda frazione di gioco si apre sulla falsa riga del primo. Al 2′, Chiarella ci prova da fuori area senza fortuna. Tre minuti dopo, Belcamino con un gran tiro a giro, dalla distanza, sorprende il bravo Menza vanamente proteso in tuffo. 1-1 e palla al centro. Al 9′, il Cutro potrebbe raddoppiare ma Virelli, bravo a resistere a una carica di un difensore catanzarese, non è abbastanza freddo al momento della conclusione; il suo tiro fa la barba al palo. Cinque minuti dopo, Teducci subentrato all’esordiente Fera, con un intervento acrobatico dice di no a una insidiosa conclusione di Sposato. Al 20′, Fuscà sforna un delizioso assist per Toto che tra l’incredulità generale spedisce fuori. Pochi minuti dopo, Marino nel tentativo di contrastare un avversario riporta un trauma distorsivo a un ginocchio e sul prosieguo dell’azione Mantella si scontra con un avversario e rimane anch’esso dolorante a terra. Al 26′, con Marino a bordo campo per infortunio e con Mantella ancora dolorante in campo, Gianluigi Garà con un tiro di precisione chirurgica segna la rete del 2-1. Nonostante l’inferiorità numerica (Marino resterà in campo per onor di firma), la Pro Catanzaro ha ancora la forza per pungere e, al 35′, il Cutro con un po di fortuna si salva  dalla  capitolazione. Toto, da due passi, calcia  a  botta sicura

il gol realizzato da Domenico Garà al 39′ del st

ma Menza è bravo a smanacciare alla meno peggio e sul protrarsi dell’azione, in exstremis, un difensore cutrese allontana la sfera di cuoio di quel tanto che basta per sventare la minaccia. Quattro minuti dopo, un rilancio difensivo di un compagno di squadra si trasforma in un prezioso assist per Domenico Garà che, con un preciso rasoterra, realizza la rete della sicurezza e mette il proprio sigillo sulla vittoria cutrese.

Recent Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>