IL DERBY AL CATANZARO LIDO, DECIDE FRANCO.

CATANZARO LIDO 2004 – PRO CATANZARO  1-0

CATANZARO LIDO 2004: Grande, Grotteria, Cosentino, Calabretta, Pristerà, Carnevale, Prato, Procopio (dal 33′ del st Loprete), Caliò (dal 42′ del st Severino), Monteverdi, Franco (dal 35′ del st Fulciniti). A disposizione:  Costantino, Zavaglia, Longo, Kane.

ALLENATORE: Sig. Luigi Caglioti

PRO CATANZARO:  Mauro, Cimino (dal 32′ del st Talarico), Greco, Magro, Mantella, Chiaravalloti (dal 22′ del st Saverino), Orlanduccio, Guadagno, Fuscà, Sirianni, Poggi Madarena. A disposizione: Fera, Syaf.

ALLENATORE: Sig. Vito Samà

ARBITRO: Sig. Valentino Paonessa

MARCATORE: al 34′ del pt Franco (CZL)

Il calcio, si sa, è fatto da episodi che, nel bene o nel male, spesso determinano la sorte di una partita e/o di una stagione. Ha di che recriminare la Pro Catanzaro sconfitta, di misura, dal Catanzaro Lido al termine di una gara combattuta, intensa, ben giocata e, incredibilmente, persa per uno svarione difensivo. Un boccone amaro da deglutire, reso ancora più amaro da alcuni torti arbitrali subiti che fanno il paio con quelli della settimana scorsa registrati in occasione della gara casalinga con il Real Kroton. La situazione in classifica, alla luce delle ultime due consecutive sconfitte, si è fatta preoccupante. La zona play-off dista ora quattro punti e le squadre che ambiscono a un posto al sole sono diverse e sempre più agguerrite. Basta recriminazioni, basta piangersi addosso è necessario reagire e al più presto per evitare altre battute d’arresto. Le premesse per fare bene ci sono tutte d’altronde la gara con il Catanzaro Lido, a prescindere dal risultato che poteva essere diverso qualora l’arbitro avesse concesso ai giovani Aquilotti almeno uno dei due calci di rigore reclamati, ai più, apparsi non netti ma nettissimi, ha confermato che la squadra  è in salute e che, la stessa, ha una propria identità di gioco.

Cronaca: Dopo una prima fase di studio che fa registrare, in campo, un sostanziale equilibrio tra le squadre è la Pro Catanzaro a prendere il pallino del gioco e a menare le danze. Al 10′, passaggio filtrante di Fuscà  per Guadagno  che  da  posizione defilata calcia a

nella foto Grande nega la gioia del gol a Guadagno

rete; bravo Grande a respingere in angolo. Sei minuti dopo, Guadagno su punizione pennella a centro area un invitante pallone che Magro spizzica di testa; la sfera  sibila a fil di palo.  Al 21′, un tiro-cross di Guadagno attraversa tutto lo specchio della porta difesa da Grande senza che nessuno dei calciatori della Pro trovi la deviazione vincente. Due minuti dopo, Orlanduccio ben servito da un compagno calcia a botta sicura  il  portiere  del Catanzaro  Lido  si  supera e smanaccia il pallone in angolo.

nella foto la parata di Grande sul tiro di Orlanduccio

Al 26′, Sirianni emula Guadagno e dal fondo mette a centro area un invitante pallone che Orlanduccio e Fuscà per un soffio non riescono a deviare in rete. Due minuti dopo, assist di Poggi Madarena per Sirianni che, dal limite, calcia forte a rete; Grande è attento e con i pugni respinge l’insidiosa conclusione.

nella foto il gol partita di Franco

Al 34′, il Catanzaro Lido passa, inaspettatamente, in vantaggio. Un rinvio dalla trequarti campo di Calabretta trova impreparata la difesa ospite e per Franco, libero da marcature,  è un gioco da ragazzi segnare da pochi passi l’1-0.  Il primo tempo si chiude con i padroni di casa in vantaggio di un gol e con gli ospiti a recriminare con l’arbitro per la mancata concessione, nei minuti finali della prima frazione di gioco,  di un calcio di rigore per un atterramento in area di Sirianni. A 9′ della ripresa, Fuscà è atterrato in piena area di rigore da un difensore del Catanzaro Lido. L’arbitro tra lo stupore generale e le proteste dei giovani Aquilotti fa proseguire il gioco. Quattro minuti dopo, assist  di Fuscà  per  Sirianni che, da buona posizione,

nella foto l’occasione fallita da Franco

calcia incredibilmente fuori. Al 18′, il Catanzaro Lido potrebbe raddoppiare; discesa travolgente di Prato che dal fondo mette a centro area un insidioso pallone che Franco non riesce a deviare in rete. Alla mezz’ora, Guadagno (un gigante insieme a Mantella) conquista palla sulla trequarti, supera un nugolo di avversari e serve Fuscà il cui tiro purtroppo termina alto.  Nei restanti minuti di gioco non c’è niente da segnalare se non un pressing asfissiante dei ragazzi della Pro Catanzaro che non scaturisce però alcun effetto. Al 93′, il signor Paonessa fischia la fine delle ostilità  e tra la gioia dei padroni di casa e la disperazione e le recriminazioni degli ospiti ha termine la gara che è stata bella, avvincente e ricca di pathos.  I tanti spettatori presenti in tribuna che hanno  assistito alla partita con il fiato sospeso sicuramente non si saranno annoiati e il caloroso applauso tributato, a fine gara,  è il giusto riconoscimento per i ventidue giocatori scesi in campo.

Recent Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>