JUNIORES COL CUORE, ECCO LA PRIMA VITTORIA!

PRO CATANZARO – DUE MARI TIRIOLO 2-1
PRO CATANZARO: Moltedo, Galati, Gallo, Guarnieri, Dushku, Leone (27’ st Mastrangelo), Rania, Dolce, Pezzano, Trapasso (32’ pt Costa), Toto (7’ st Gigliotti). In panchina: Zavaglia, Scerbo L., Scumace, Cardamone. All.: Samà
DUE MARI TIRIOLO: Paonessa, Lubello, Paone (1’ st Guzzo), Greco, Gravino, Cannistrà (32’ st Cerminara T.), Scerbo F., De Sio, Bevacqua, Laria (45’ st Chiarella A.), Fioti. In panchina: Cerminara M., Sala, Chiarella S., Cantafio. All.: Renda
ARBITRO: Molinaro di Lamezia T.
MARCATORI: 30’ pt Dolce (PCZ), 43’ pt Costa (PCZ), 11’ st Laria (DMT)

Cinquantaquattresimo minuto della ripresa l’arbitro, Sig. Molinaro, dopo nove interminabili minuti di recupero fischia la fine della gara e la Pro può tirare un gran sospiro di sollievo e festeggiare la vittoria, mai veramente in discussione, e fortissimamente voluta dal gruppo. I ragazzi di mister Samà hanno dato prova di grande carattere e, benché in inferiorità numerica, hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo e, pur soffrendo nei minuti finali della ripresa, hanno fatto loro i tre punti in palio. Prima di analizzare la gara, molto corretta in campo nonostante i tanti espulsi potessero far pensare il contrario, è d’obbligo spendere due parole sull’arbitro dell’incontro troppo fiscale e suscettibile, che, erigendosi a protagonista indiscusso, ha dispensato cartellini gialli e rossi a iosa (a fine gara quattro gli espulsi per la Pro Catanzaro).
Partono forte i padroni di casa, che già al 2’ vanno vicini al goal con Pezzano, che di testa manda fuori il pallone crossatogli dal fondo da Trapasso. Otto minuti più tardi lo stesso Pezzano, buona la sua prestazione, solo davanti al portiere ospite fallisce la più ghiotta delle occasioni spedendo incredibilmente fuori dallo specchio della porta un pallone facile facile. Al 15’ Paonessa in uscita disperata di piede, nega a Trapasso la gioia del goal. Al 20’ e al 23’ la Pro sfiora il vantaggio con due insidiose conclusioni da lontano di Dolce e Leone che sibilano a fil di palo e quattro minuti più tardi il direttore di gara sventola per la seconda volta il cartellino giallo al già ammonito Dushku, reo di non aver battuto con celerità un calcio di punizione. Il tempo di riorganizzarsi e la Pro, grazie ad uno svarione del portiere, conquista palla in area di rigore e segna con Dolce la rete dell’1 a 0, vantaggio meritato per il gioco espresso e le tante occasioni create. La squadra di mister Renda accusa il colpo e gli Aquilotti ne approfittano, realizzando con Costa, ben servito in area dal solito Pezzano, la rete del 2 a 0. Alla ripresa del gioco, dopo due occasionissime fallite da Rania (bravo Paonessa in entrambe le occasioni a salvare il risultato) la squadra di Tiriolo prima colpisce un palo con un gran tiro da fuori area e poi riesce ad accorciare le distanze con Laria, bravo a finalizzare in rete un invitante cross proveniente dalla fascia destra. Da questo momento in poi la Pro si limita a controllare la gara e la sterile pressione territoriale degli ospiti non si concretizza anche perché, nonostante la doppia inferiorità numerica (espulso per somma di ammonizione Pezzano al 37’) la squadra di casa si difende con ordine senza nulla concedere agli avversari. Da registrare al 48’ l’espulsione dell’allenatore Samà reo di aver fatto notare all’arbitro che il tempo di gioco era scaduto da un pezzo e di Rania nel tunnel degli spogliatoi. Ora godiamoci questa importante vittoria che fa tanto morale e da giovedì pensiamo a preparare alla meglio la gara con il Campora San Giovanni sperando, da qui a fine campionato, di non avere modo d’incontrare sulla nostra strada arbitri come il Sig. Molinaro di Lamezia Terme.

NELLA SEZIONE FOTO LA GALLERY DEL MATCH

Recent Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>